Punti di vista da un altro pianeta

mercoledì 9 febbraio 2011

Incor(o)nare Corona

Devo ritrattare, smentirmi, cospargermi il capo di cenere, incappucciarmi le antenne con le orecchie da asino. Come spesso accade, sono stato impulsivo, mi sono lasciato trascinare dall'impeto dell'emozione, ho fallito nell'esercizio della misura e dell'autocontrollo e ho finito per prendere una terribile cantonata. Spero che, per lo meno, vorrete concedermi il beneficio della buona fede, l'onestà di averlo riconosciuto, seppur tardivamente, e il coraggio di averlo pubblicamente ammesso.

Mi riferisco a un mio post di qualche tempo fa sull'imminente esordio letterario di Fabrizio Corona, nel quale, con un certo voluto sarcasmo, giungevo alla conclusione (il termine più esatto, sarebbe "insinuavo") che l'autore era - di fatto - un incapace. Naturalmente non avevo letto niente e per questo la mia era una considerazione colpevolmente pregiudizievole. Ora invece posso dire di aver rimediato. Chi ha ucciso Norma Jean? è uscito e grazie a Booksblog.it che ne ha riportato l'incipit e ad Abo di MondoBalordo, che sul suo blog letterario (a proposito se vi interessano i libri, vi consiglio di dare un'occhiata alle sue recensioni) ne ha pubblicato un breve estratto gentilmente messo disposizione da Agent Zero su Goodreads, posso mostrarli anche a voi e dimostrarvi così tutta la mia arroganza.

Ecco qua l'incipit:
Prologo
Mi chiamo Nick Zaro. Sono un paparazzo. Lavoro per tutte le grandi riviste di gossip italiane, loro mi pagano bene, io faccio in modo che vendano centinaia di migliaia di copie. Se i direttori mi incontrano per la strada fanno finta di non conoscermi, ma quando entro nelle loro pompose redazioni, nei loro pomposi palazzi del centro, manca poco che stendano un tappeto rosso dalla porta alla loro pomposa scrivania. Mentre aspettano di vedere il materiale che gli ho portato hanno l’espressione di uno che è sull'orlo dell'orgasmo. E io non li deludo mai. Sì, perché io sono uno bravo, uno che porta gli scoop, scatto servizi che per loro possono significare una settimana in tv a mostrare tronfi le foto che ho fatto io. Come se gli autori del servizio fossero loro, come se avessero aspettato loro per ore su un albero o dietro una siepe, se avessero premuto loro il dito sul pulsante della macchina fotografica… Come se avessero fatto molto di più che firmare il buono di vendita per comprarsi il mio lavoro.

E l'estratto:
Io sono specializzato in missioni impossibili, nella mia vita ho avuto più avventure di James Bond, più donne di Rodolfo Valentino, più guai di Al Capone. Ho fatto più soldi di Rockefeller e ne ho spesi più di Marilyn Monroe in vena di shopping, ho avuto alti e bassi, ho pochi amici e tanti nemici. Vivo di notte come il conte Dracula, adoro le auto potenti e Al Pacino in Scarface.

Tra un caffè e l’altro avevo finito per caricarmi la barista che, forse impressionata dalla grandezza del mio teleobiettivo, mi aveva fatto capire di non disdegnare la mia compagnia.

«Mi spiace ciccino, sarà per un altra volta. Lui è pazzo di me…» aveva trillato Miss Vallettina nel mio auricolare. Ma perché quelle come lei parlavano sempre come nei cartoni animati? E poi ciccino poteva dirlo a sua sorella.
«Nessun problema, darling. Fammi un fischio la prossima volta. Passo e chiudo.»

Avete capito allora a cosa mi riferivo? Ho detto che il suo romanzo avrebbe potuto scriverlo solo un ghost writer. No.
L'ha scritto lui.

[P.S. Per chi vuole deliziarsi con un'approfondita e puntuale analisi letteraria degli estratti di cui sopra, ci ha pensato Davide Mana su Strategie Evolutive.]

20 commenti:

  1. Io credo che Corona debba essere scoronato, e colpito ripetutamente con l'oggetto in questioni.
    Poi, nel dubbio, messo anche sotto da un'auto potente guidata dal vecchio Al Pacino. ;)

    RispondiElimina
  2. che allusioni artistiche: ! "la barista che, forse impressionata dalla grandezza del mio teleobiettivo"... ma nemmeno al rocco nazionale poteva venire in mente!
    imperdibile...

    RispondiElimina
  3. @MrJamesFord: per un'attività del genere, consiglierei qualcosa di più massiccio. Certe cose meglio farle bene fin dal principio, o astenersi. Ma dici l'Al Pacino di Scent of a Woman? Per la serie: Ops, non l'avevo visto... ;)

    @robydick: si vede che c'è la stoffa, eh? Lui afferma di averlo scritto in 5 giorni. E in un'intervista, alla domanda da chi prende spunto, ha dichiarato: "Una volta non sapevo scrivere. Da quando è morto [suo padre giornalista], 4 anni fa, è come se mi avesse trasmesso una capacità di scrivere innata... quando scrivo non mi fermo più."
    Innata.
    Poi scopri che ha preso un anticipo di 70.000€, che la tiratura è stata di 200.000 copie e le prenotazioni 60.000 (sempre che sia vero).
    Come al solito il problema comunque non è lui, è chi ha il coraggio di sborsare i 12€.

    RispondiElimina
  4. Minchia. Chiamo green peace per organizzare una manifestazione contro lo spreco di carta e il conseguente taglio di foreste.

    RispondiElimina
  5. Più che su questo minus habens (e sugli inferiori che lo idolatrano), bisognerebbe spendere qualche ulteriore parol(ACCI)a sulla vomitevole editoria italiana.
    Però, dài, ammettiamolo, vuoi mettere il superprofessionale e faticosissimo editing che deve esserci qui dietro?
    Per esempio, sarei pronto a scommettere qualche miliardo sul fatto che la frase "come se gli autori del servizio fossero loro" nel cazzoscritto originale suonava invece "come se gli autori del servizio SAREBBERO loro"...
    Chissà che faticaccia, 'sto povero stron... ehm... 'sto povero editore! :D

    RispondiElimina
  6. secondo me grazie alla sua innata capacità di scrittura avrà elaborato una trama avvincente...tipo che l'assassino è il maggiordomo e la vittima è stata uccisa in biblioteca con un colpo d'attizzatoio.

    RispondiElimina
  7. ossignur,credevo che Tullix mi prendesse in giro ieri sera quando mi ha detto di questo …libro?

    RispondiElimina
  8. "si sa che Corona è un malavitoso che ha contatti con la camorra, insieme a Bartolo, insieme ai suoi collaboratori. Si sa che si ricorre alla prostituzione, si sa che questo lavoro è fatto così. Io alle volte mi lamento al telefono, ho degli sfoghi con amici…"
    Sara Tommasi, ribadisco, Sara Tommasi.

    A livello letterario non so come mai ma Corona non mi attrae.

    RispondiElimina
  9. Beh, la vena dello scrittore si nota che è congenita. Peccato sia una vena varicosa heheh!
    Io avrei da ridire anche sulla copertina..ma taccio.
    La grandezza del teleobiettivo e il "Nessun problema, darling" fanno di questo racconto noir un vero capolavHorror illetterato.
    Ho rubato l'HORROR allo zio Nik ;)
    LUI genio LUI :)

    RispondiElimina
  10. Marziano, mi piace l'idea di Pacino in Scent of a woman, così ci può schiaffare anche uno dei suoi leggendari "Ah!", dopo averlo messo sotto per benino. :)

    RispondiElimina
  11. * Grace
    THANKS, Graciolotta cara... :-))))

    RispondiElimina
  12. "Tra un caffè e l’altro avevo finito per caricarmi la barista che, forse impressionata dalla grandezza del mio teleobiettivo, mi aveva fatto capire di non disdegnare la mia compagnia."

    genio!

    cmq al capone in galera c'era finito. sia mai...

    RispondiElimina
  13. libro reperibile presso i più beceri circoli ittici

    RispondiElimina
  14. vedi, in fondo in fondo tu sei una persona buona perché ti leggi l'estratto, lo commenti, insomma un po' del tuo tempo glielo dedichi. Sono io che devo fare ammenda che sono così cattivo che non ho letto neanche i pezzi del libro di corona presenti in questo post... ;-)

    RispondiElimina
  15. @knitting bear: e con gli ebook come la mettiamo?

    @Zio Scriba: tranne rari casi (davvero importanti), gli editing tendono alla pochezza per definizione, dunque sono abbastanza convinto che in questo caso si siano limitati alla grammatica e all'ortografia. Ma non è che questo sia un punto a suo favore.

    @Marco: ma non era il candelabro?! ;-)

    @stellarossa: mai prendere Tullix sotto gamba.

    @Inneres Auge: c'è pieno di pochi di buono scrittori coi controcazzi. Un nome per tutti: Edward Bunker. Ma anche Ellroy ha avuto i suoi trascorsi "tormentati". A livello letterario non sai come mai Corona non ti attrae? Ti consiglio di dare un'occhiata al link che ho aggiunto in calce al post.

    RispondiElimina
  16. @Grace (ma reticente): è un peccato che tu non ci voglia dire sulla copertina... Quanto al resto, quel gentiluomo dello Zio Nick ti lascerà senza dubbio il comodato d'uso.

    @MrJamesFord: Ah! ;)

    @Zio Scriba; no, dico, fate pure come se io non ci fossi, eh! :)

    @Ubi Minor: e "pompato" anche.

    RispondiElimina
  17. Ubi mi frega sempre i commenti

    RispondiElimina
  18. @ciku: sì, ma il sistema americano è altra cosa. Madoff docet.

    @il Socio: e io che mi ero illuso che i più beceri circoli ittici optassero per la Parodi e la Clerici...

    @Antonio: è il classico sporco lavoro, ma qualcuno lo deve pur fare. E cosa dire allora di Davide Mana che li ha anche analizzati letterariamente? (Vedi link in fondo al post).

    @D.: non penserai mica di cavartela così, vero? ;)

    RispondiElimina
  19. domani lo leggo*,grazie per l'aggiunta che hai fatto al post,sono andata fin laggiù e mi sono divertita un sacco.
    buonanotte marzian

    *prestito veloce

    RispondiElimina

Poiché vorrei evitare di attivare la moderazione, vi prego di moderarvi da soli. Grazie.

License

Creative Commons License
I testi di questo sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons.

Statistiche

Blogsphere

Copyright © Il grande marziano Published By Gooyaabi Templates | Powered By Blogger

Design by Anders Noren | Blogger Theme by NewBloggerThemes.com