Punti di vista da un altro pianeta

lunedì 6 dicembre 2010

Dedicato al Grande Fratello /4

21 commenti:

  1. Cronenberg ha sempre avuto l'occhio lungo...

    RispondiElimina
  2. Significa che Vespa o la DeFilippi hanno voce in capitolo?
    Allora abbiamo toccato proprio il fondo!
    cristiana

    RispondiElimina
  3. Guardando egoisticamente solo a me stesso, mi consolo: se la tv è il vero unico occhio dell'uomo lobotomizzato di oggi, io ho la fortuna di essere "cieco" per almeno 22 ore ogni giorno! Da queste parti, mai accesa quella merda di mattina, o mentre si mangia, o nel pomeriggio. L'accendo alla sera, all'ora esatta in cui comincia un film senza spot (o una partita di calcio, mia debolezza intellettuale) e la spengo appena finisce (se è una partita, me ne sbatto anche delle stupide chiacchiere pre e post).
    Per una volta consentimi di essere cinico e snob: i telelobotomizzati se ne vadano affanculo. Non sarò certo io a piangere per loro. Posso anche avere pietas: ma condita col giusto disprezzo.

    RispondiElimina
  4. @Alessandro Cavallotti: vero, soprattutto nel vedere le modificazioni dell'uomo in relazione alla sua convivenza sempre più stretta con la tecnologia.

    @Topaus: che fossimo già rovinati, e da un bel pezzo, lo sapevamo. Eppure non abbiamo fatto niente.

    @cristiana: per alcuni ce l'hanno. Per alcuni la realtà è quella che passa attraverso le loro bocche deformi...

    @Zio Scriba: è curioso notare come un certo tipo di critica al mezzo televisivo è propria di un periodo ormai passato a cavallo tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80, forse proprio quando la televisione stava cambiando pelle, e con essa il mondo. Adesso non la si vede più.

    Oggi la critica alla televisione la si intravede solo nella saggistica e quindi è riservata a una nicchia ristretta di cervelli. Che poi non credo che la TV non debba essere vista. Ma almeno che sia fatto con la consapevolezza della volontà. Insomma, non accenderla sempre e comunque, pur di avere qualcosa che blatera cazzate in soggiorno (che cosa non importa).

    Del resto sembra che alla stragrande maggioranza vada bene così, tra un culo di Belèn e la faccia di Minzolini... o era il contrario?

    Mi chiedo cosa succederebbe ai telelobotomizzati di cui parli, se cominciassimo a somministrargli solo trasmissioni culturali e intelligenti. Smetterebbero di vedere la TV? Si suiciderebbero? O si adeguerebbero, elevandosi almeno un po'?

    RispondiElimina
  5. Io non credo che potrei vivere senza tv, ho "bisogno" di certi programmi di intrattenimento (telefilm, film, studio sport...).
    Però chi guarda i reality, beh...ci vorrebbero punizioni esemplari!

    RispondiElimina
  6. @Ragno: curioso lapsus freudiano inserire studio sport tra l'intrattenimento. ;)

    RispondiElimina
  7. Oddio, sono cieca... SONO CIECA!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Non ho più la tv da oltre due anni. Indubbiamente qualcosa mi perdo, ma la bilancia pende ampiamente dalla parte dei vantaggi. E' lo stesso motivo per cui non ho l'automobile, sopporto volentieri la mancanza, le poche volte che mi farebbe comodo.

    RispondiElimina
  9. @Vaniglia: c'è da dire che quanto a "occhio dell'uomo" anche Internet comincia a dire la sua. E lì mi sa che cieca non sei...

    @web runner: c'è anche da dire che con un PC collegato al web, la televisione ormai è quasi inutile. E quel che c'è di buono, è che la navigazione su Internet implica sempre e comunque un'attività da parte dell'utente ben superiore al saltellare meccanico di un pollice su un telecomando.

    RispondiElimina
  10. Sei tu il mio occhio, mi sa... Sei la cosa più attuale che leggo da qualche mese a questa parte a parte Pirandello.

    RispondiElimina
  11. Ps: il saltellare meccanico dell'indice e del medio su un mouse?
    Scherzo... Concordo.

    RispondiElimina
  12. @Vaniglia: io e Pirandello?! 8-o Ma lo sai che sono strabico, vero? E che col telescopio ingrandisco molto, ma restringo il campo? Insomma se fossi in te, non mi fiderei di me. Ma nemmeno essendo in me, mi fido di me. ;)

    RispondiElimina
  13. Beh, se si parla di schermo e non di ciò che trasmette la TV allora effettivamente riflette la realtà.
    Oh, se mi metto difronte ad uno schermo in esso inevitabilmente mi specchio..questa è la verità..mica sto inventando niente :)

    Uhm..è tutto chiaro?

    RispondiElimina
  14. @Grace (ma letterale): è tutto chiarissimo.

    RispondiElimina
  15. Ha ragione Alessandro, Cronemberg, in maniera lucida ci aveva già preso, a un decennio dall'inizio della fine e come dici tu in un periodo in cui ancora la tv la si poteva guardare, almeno per quel che mi ricordo. La macchina che si faceva carne e sangue e che ci poneva di fronte ad enormi quesiti… la voce di maria de filippi? azz… la più giusta!

    RispondiElimina
  16. il mio gatto ci ha fatto la pipì sul televisore, poco prima che lo buttassi. Aveva sentore che stava succedendo qualcosa..
    Lui anche è troppo avanti. ;)

    RispondiElimina
  17. @petrolio: in effetti la voce di Maria De Filippi andrebbe alla perfezione per doppiare qualche tecno-poltergeist o qualche macchina pseudo-biologica.

    @Inneres Auge: sempre ottimista tu, eh?! ;-)

    @patè: se il mondo si dovrà salvare, sarà un gatto a farlo. E conoscendo la pigrizia dei gatti...

    RispondiElimina
  18. E che mi devo fidare di Emilio Fede? Nonnonno...Preferisco te ;-)

    RispondiElimina
  19. @Vaniglia: gran bel paragone, grazie! ;-D

    RispondiElimina

Poiché vorrei evitare di attivare la moderazione, vi prego di moderarvi da soli. Grazie.

License

Creative Commons License
I testi di questo sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons.

Statistiche

Blogsphere

Copyright © Il grande marziano Published By Gooyaabi Templates | Powered By Blogger

Design by Anders Noren | Blogger Theme by NewBloggerThemes.com