Punti di vista da un altro pianeta

martedì 7 agosto 2012

Immigrazione marziana (illegale)

Allora, innanzitutto lasciamo perdere le pacche sulle spalle, le grida di giubilo e i brindisi di rito, e andiamo al sodo: il rover Curiosity è atterrato senza visto, né permesso di soggiorno. Non aveva nemmeno uno straccio di passaporto falso. L'avete catapultato impunemente nel nostro Cratere di Gale in cerca di prove di vita marziana e ora contate di farcelo scorrazzare per almeno due anni. E se perfino i telegiornali nazionali di ieri hanno riportato con una certa enfasi la notizia del successo del suo atterraggio (vi prego, anzi vi supplico, non chiamatelo ammartaggio) ancora prima delle solite dichiarazioni da spiaggia di (in ordine alfabetico) Alfano, Bersani, Casini, Di Pietro e Vendola, significa che l'evento è qualcosa di straordinario.

Ma davvero straordinario (almeno per ora) è stato solo il modo, nuovo e pazzesco (e, invero, anche un po' da irresponsabili), con cui avete avuto il coraggio di fargli toccare il suolo di ferro ossidato. Stavolta infatti niente super-airbag e rimbalzoni da cartoni animati, come successo con gli atterraggi dei precedenti rover Spirit e Opportunity. Prima l'avete fatto entrare nell'atmosfera marziana, frenata (ma mica poi tanto) dal suo scudo termico che si è arrostito per bene, poi gli avete concesso un mega paracadute supersonico (grazie), infine (e qui è stato l'azzardo) lo avete quasi fermato in volo con dei retrorazzi e, nel contempo, avete attivato un sistema di gru che ha calato il rover delicatamente al suolo appeso a dei cavi. Insomma, molte, moltissime cose potevano girare storte in questi sette minuti terribili, ieri mattina, tra le 7:23 e le 7:30, ma tutto è filato liscio e dopo oltre sei mesi di viaggio e un bel po' di milioni di chilometri percorsi, Curiosity ha inviato le prime immagini del suolo marziano in perfetto orario. Praticamente (quasi) come un IC Torino-Reggio Calabria.

Se poi anche il suo soggiorno sarà straordinario, si saprà nei prossimi due anni, durante i quali questo nuovo rover, molto più grande e complesso (e ambizioso) dei precedenti, avrà il compito di studiare il suolo come non veniva fatto da almeno trent'anni, ovvero dai tempi della sonda Viking, unica volta in cui la NASA ha provato a cercare (seriamente) tracce di vita marziana attraverso esperimenti biologici. Ma ci sarà senza dubbio tempo per riparlarne.

Per ora resta la vostra ennesima invasione, al punto che il Pianeta Rosso è senza dubbio il pianeta del Sistema Solare al di fuori della Terra più studiato e affollato di vostri trabiccoli, al suolo e in orbita. E siccome lo sappiamo bene anche noi che in fondo lo fate a fin di bene, per la faccenda del progresso della conoscenza, dell'esplorazione dell'universo, delle origini della vita eccetera, giusto per questo non chiuderemo la sonda in un Centro di Accoglienza Temporaneo. Tuttavia potete stare certi che da noi marziani non avrete alcun aiuto e che faremo di tutto per sfuggirvi anche questa volta. Proprio la suggestione di certe mitologie è anche il fatto che restino (per sempre) tali.

21 commenti:

  1. Tanto, come sai tu e come dice un mio vecchio racconto, voi marziani non siete così superficiali da vivere sulla superficie del pianeta. Voi state DENTRO Marte, e non vi troveranno mai... :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, caro Zio. E anche se venite armati di laser e trapani assortiti, noi saremo sempre sotto di voi o, meglio ancora, dietro. ;-)

      Elimina
  2. Oltre i milioni di chilometri ci sono da considerare anche i trilioni di dollaroni spesi per andare a rompere in giro per l'universo.
    Un modo non violento per limitare le scorribande del giocattolo sarebbe quello di riempire il pianeta con strisce blu per parcheggi a pagamento, oppure con cartelli di divieto di sosta, oppure ancora col divieto di circolazione in toto.
    Ciao, buon divertimento, vado a leggere le dichiarazioni in merito dei citati, sono certo che saranno pillole di saggezza commovente, quasi come le loro dichiarazioni riferite alla politica, passata presente futura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque i dollaroni spesi per lo spazio, ancorché per venire a rompere le scatole a noi, saranno SEMPRE enormemente più ben spesi che in armi o in telefonini. E che in fondo ne spendete pure pochi al confronto.
      Ciao gattonero!

      Elimina
  3. Da sperare che Curiosity faccia presto come i robottini di Guerre Stellari, amici di Skywalker...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In che senso? Nel senso che prendono e scappano per i fatti loro? (In realtà sappiamo bene che il piccoletto ha una missione da compiere...).

      Comunque sia, Curiosity è una delle poche buone notizie di questi tempi.

      Elimina
  4. Appena inizierà a strombazzare ben bene, col suo clacson Popi Popi a ultrasuoni, vi romperà così tanto i timpani (non dite di no, i timpani gli avete) che sarete obbligati a uscire dai vostri nascondigli, armati di forconi, per tentare, inutilmente, di zittirlo.

    Fatevi perlomeno trovare pronti, trucco e parrucco il giusto, per la prossima copertina di Chi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non ci conosci. Siamo diversi da voi, noi: noi siamo la Discrezione, voi siete la Vanità.

      Elimina
  5. Perchè al posto di spreccare tanto denaro per andare a quel pianeta no si spende un po in migliorare nostro mondo che sta marciendo.Daniela V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace, ma su questo non sono assolutamente d'accordo. I soldi per la conquista della conoscenza e il progresso della cultura non sono, né saranno mai sprecati. Sprecati, semmai, sono i soldi per le armi e per i super stipendi dei manager e degli amministratori delegati. Senza contare che in confronto a quelli sprecati per le armi, quelli per Curiosity sono solo gli spiccioli per un caffè.

      Elimina
  6. Inutilmente perfetto: qui sta il gran godibile

    Saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Utilmente imperfetto, direi piuttosto.

      Elimina
    2. Anzi, meglio ancora, imperfettamente utile.

      Elimina
  7. Però, almeno una foto sfocata potete concederla al povero Curiosity, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contrariamente a voi, siamo molto riservati e di "apparire" non ci frega un accidente.

      Elimina
  8. I marziani non chiamano il Cratere di Gale, Cratere di Gale, coglione ... casomai lo chiameranno =°#***+&%"".
    E poi i marziani non esistono. E nemmeno tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua osservazione sarebbe stata sintomo di intelligenza, se non fosse seguito l'insulto. Peccato.

      Elimina
  9. Noi non stiamo cercando voi, Marziano, stiamo cercando casa.
    Questa nostra ormai ci brucia sotto il culo (oops,le chiappe) e urge nuova dimora. Pronta per quando qui sarà invivibile.
    Dopotutto, Mercurio e Venere già se ne sono andati. E la Terra potrebbe anche seguirli a ruota... Di pianeta in pianeta, colonizzazione sfrenata. Usa e getta.
    E tu lo sai. E' per questo che ci temi ;)
    SPB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. E' proprio proprio questo. Ogni volta che vi siete messi a invadere i territori altrui, non è andata molto bene agli indigeni.

      Elimina
  10. I marziani esistono!!
    E ne ho le prove!
    ...e poi lo dice anche Tricarico...
    :)
    SPB

    RispondiElimina

Poiché vorrei evitare di attivare la moderazione, vi prego di moderarvi da soli. Grazie.

License

Creative Commons License
I testi di questo sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons.

Statistiche

Blogsphere

Copyright © Il grande marziano Published By Gooyaabi Templates | Powered By Blogger

Design by Anders Noren | Blogger Theme by NewBloggerThemes.com