Punti di vista da un altro pianeta

domenica 29 maggio 2011

«Aiutami Obi-Wan Pisapia, sei la mia unica speranza!»

Oggi è domenica 29 maggio. Dunque sto scrivendo queste righe qualche ora prima di sapere i risultati dei ballottaggi delle amministrative e in particolare di quello di Milano. Però sono contento che abbia vinto Pisapia. Sono contento perché questo risultato significa che gli italiani (in questo caso almeno i milanesi), anche - e soprattutto - quelli schierati a destra, ne hanno finalmente i coglioni pieni della politica di una destra che non sa far altro che costruire la sua immagine intorno alla pratica della menzogna spudorata, degli insulti gratuiti, dei leccaculo a noleggio e dei corifei catodici e che, grufolando in questo porcile informativo e mediatico, dimostra tutto il suo tragico fallimento e la sua incapacità di essere, per natura, costruttiva e propositiva, se non all'interno delle sue logiche clientelari; di una destra che, autodichiarandosi moderata, ma accusando l'opposizione di non esserlo con gratuità e prepotenza (leggi: mentendo e denigrando senza vergogna), dunque con toni tutt'altro che moderati, rivela una pericolosa tendenza al transfert politico; di una destra abituata a tutti i comfort dell'acquisto coi soldi, pur di evitare i disagi del sudore della persuasione coi fatti; di una destra che lasciandosi trascinare nei deliri arroganti e ingannevoli del suo padrone, recitati a esclusivo beneficio della grancassa dei media compiacenti, non si accorge di lasciarsi trascinare in una palude di inciviltà, incostituzionalità e mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini tutti; di una destra che se ne va in giro a martellare pneumaticamente il jingle che non ci sono alternative al suo governo (al punto che perfino molti di quelli di sinistra hanno finito per crederci), quando invece in democrazia un'alternativa esiste sempre e una qualsiasi alternativa al suo governo oggi è buona, anzi più che buona, è ottima e auspicabile, a costo di turarsi il naso, e fare una X, anche solo per una volta, poi la prossima si vedrà.

Sono contento perché questo risultato significa che gli italiani (in questo caso almeno i milanesi e, chissà, magari anche i napoletani) non si sono fatti centrifugare il cervello dal patetico sventolio della paura di un babau con le zanne rosse, islamiche, nomadi, che nella simulazione del suo mostruoso estremismo e della sua inaudita cattiveria («Uuuuhhhhh!») ha trovato la naturale delegittimazione di se stesso anche di fronte a persone non necessariamente dotate di un cervello. Anche un solo neurone part-time è sufficiente a sgamare un inganno politico ormai troppo grosso, evidente, incivile e immorale per possedere ancora un qualche briciolo di credibilità.

Sono contento perché questo risultato significa che gli italiani (in questo caso fa fede la statistica) hanno finalmente capito, e lo hanno dimostrato, di avere di nuovo voglia di sperare, non nei miracoli o nelle panacee, ma in un futuro anche solo un po' migliore, onesto, rispettoso di così. Non c'è voluto molto in fondo. Non c'è stato nemmeno bisogno di una spada laser. E' bastata una X al posto giusto.

Pensate a che cosa avrebbe significato per la galassia se non fosse andata così.

15 commenti:

  1. speriamo bene.

    http://i56.tinypic.com/2a0e1xg.png

    RispondiElimina
  2. Sei bravobravissimo, sai quello che dici,sembri un libro stampato,
    ma io che posto a fare su un blog che non mi ha messo sul suo blogroll
    e non mi commenta.
    Avrai le tue ragione e io le rispetto.
    Ciao
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. @Inneres Auge: troppo?

    @ciku: scaramanzia? ;-)

    @cristiana2011: ti ringrazio, ma le ragioni per cui non mi vedi dalle tue parti sono molto più semplici di quello che uno può pensare: purtroppo non riesco a seguire i blog di tutti coloro che mi seguono. Anzi ultimamente raramente riesco a cliccare sugli amici del blogroll. Anche gli altri avranno notato una mia latitanza da qualche tempo, giacché ho perso la possibilità di collegarmi durante l'orario di lavoro. Quindi sto già facendo le capriole per seguire il mio blog, rispondendo a tutti (anche nella versione su Facebook), avendo a disposizione solo la sera, momento in cui ho anche molte altre cose da fare. Ciò significa che a volte mi capita di fare giusto un salto, anche sul tuo, come su quello di molti altri, ma non ho il tempo di commentare.

    Del resto sei libera di commentare solo i blog di chi ti ricambia i commenti e invece di ignorare gli altri. Io non ho mai seguito questa logica di scambio, ma ognuno è libero di fare come preferisce e non te ne farò una colpa se non ti vedrò più. Per il resto la mia vita è parecchio incasinata e devo fare delle scelte, dare delle priorità e, a rischio di perdermi delle cose interessanti, non riesco fare meglio di così. Mi spiace, sono solo un marziano, non sono onnipotente. ;-)

    RispondiElimina
  4. Speriamo bene davvero, mi associo a Ciku.
    Per il resto, ottimo post - ma ormai gli standard marziani sono elevati - e ottima risposta all'osservazione di Cristiana.
    Continua così, in fondo gli onnipotenti sono sempre un pò noiosi!

    RispondiElimina
  5. @MrJamesFord: grazie tre volte! :-)
    Gli onnipotenti noiosi sono solo quelli che si credono tali. ;)

    RispondiElimina
  6. Sig. Ottimista29 maggio 2011 23:44

    Notoriamente noto per un simpatico e schietto pessimismo da orbitorio che porta facilmente ad intendere il mio orientamento politico volto all'astensionismo, o forse no, visto che fra le 11 e le 12 vanno a votare anche le giovani e caste donzelle in uscita dalla messa - unica circostanza che ha giustificato una mia eventuale presenza alle urne - mi ritrovo per la prima volta ad evere idee del tutto opposte: dovete andare a votare! DOVETE ANDARE A VOTARE!! Perchè se nella capitale del nord Italia si stanno osservando importanti risvolti, la capitale dei zozzi, sporchi e ladroni non è da meno.

    RispondiElimina
  7. Sig. Relatività29 maggio 2011 23:47

    Avendo condotto degli studi approfonditi sulla relatività e sulle teorie della dilatazione spazio-tempo, mi permetto di darle un consiglio su come riuscire a dedicare tempo a tutti i sostenitori futuri: scriva articoli idioti.

    RispondiElimina
  8. @Inneres Auge: i troppo ottimisti si chiamano "illusi". E in questo caso mi sento di avere fondate ragioni per non esserlo. O mi illudo di averle! ;-)

    @Sig. Ottimista: bravo, così mi piaci! :-)

    RispondiElimina
  9. @Sig. Relatività: la ringrazio del consiglio. Il problema è che pensavo di averlo già messo in pratica da molto tempo... ;)

    RispondiElimina
  10. Ci avrei visto un bel Calderoli nei panni di Jabba the Hut. Spero solo che la galassia si salvi anche questa volta.
    Una riflessione sui commenti e sullo scambio di link: io di solito metto nel blogroll i blog che mi interessano di più e molti di questi blog non ricambiano, non mi ritengono interessante o non mi hanno notato, non è un problema. Altri linkano me e non sono ricambiati. Quando i miei post non ricevono commenti penso che siano poco interessanti (e succede spesso), non che sia colpa della pigrizia degli amici blogger. Non tutti abbiamo le stesse capacità e gli stessi mezzi, basta accettarlo serenamente.

    RispondiElimina
  11. @knitting bear (1): no, Calderoli/Jabba the Hutt è troppo! :-D
    Per il resto grazie dell'appoggio.

    @Ernest: adesso le possiamo discrociare?! ;)

    @knitting bear (2): http://www.youtube.com/watch?v=M5XG1nSlxuI

    RispondiElimina

Poiché vorrei evitare di attivare la moderazione, vi prego di moderarvi da soli. Grazie.

License

Creative Commons License
I testi di questo sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons.

Statistiche

Blogsphere

Copyright © Il grande marziano Published By Gooyaabi Templates | Powered By Blogger

Design by Anders Noren | Blogger Theme by NewBloggerThemes.com